Famiglia

I DI-CO rientrano dalla finestra!

Il divorzio “fai da te”, ovvero il matrimonio alla francese     Leggi tutto

inserito il 10-06-2014     -    
anteprima

Quarant’anni fa, il 22 maggio 1974, il referendum abrogativo della legge sul divorzio approvata dal Parlamento nel dicembre 1970 (proposta dal socialista Loris Fortuna e dal liberale Antonio Baslini), venne approvato solo dal 40,7% dei votanti; il 59,3% aveva bocciato il referendum. Quel voto ha segnato l’agonia lenta ma costante del matrimonio e della famiglia tradizionali in Italia. Ricordo benissimo la compagna contro il divorzio a cui anch’io, per quel poco che contavo, mi sono impegnato, avendo sperimentato la bellezza e gioia di una famiglia unita e soprattutto, leggendo e meditando i testi di Paolo VI e dei vescovi italiani, mi rendevo conto che, col divorzio diventato legge di stato, iniziava il dissolvimento della famiglia e quindi della società italiana.
Ancora una volta si è avverato il detto dei latini: “Lex creat mores”, la legge crea il costume. Oggi, 40 anni dopo, possiamo vederlo con chiarezza. Le famiglie regolari sono minoritarie, diminuiscono i matrimoni religiosi e civili, diminuiscono in modo drammatico i bambini, aumentano le libere convivenze e un numero sempre maggiore di giovani non si pongono più la meta di unire la propria vita ad una donna o a un uomo, per creare una famiglia stabile; rimandano la scelta decisiva e a 40 anni si ritrovano “singoli”. Trionfa “il sesso libero” invocato dai sessantottini, e nel Parlamento italiano sono in cammino le leggi del matrimonio fra i gay, le adozioni di bambini da parte di sposi o conviventi gay, le inseminazioni artificiali, l’utero in affitto, il “divorzio breve” che risolve tutto in sei mesi, l’omofobia, ecc.   -   Leggi tutto

Comperare il bebè: la nuova schiavitù

mercoledì 28 maggio 2014
 
    Leggi tutto
inserito il 02-06-2014     -    

Anche di fronte alla questione del gender ripartire dal cuore

L'altra sera alla domanda di alcuni ragazzi se e come è evidente che noi desideriamo l'infinito, se è scritto nel nostro cuore che desideriamo una felicità totale, che non possiamo creare, che non ci possiamo dare, che è altro da noi, facevo quest'esempio.
    Leggi tutto

inserito il 15-05-2014     -    

I Giuristi per la vita e le piaghe dell'Apocalisse

 
Comunicato Stampa dei Giuristi per la Vita. 
 
Denuncia della depravazione con cui si viola la coscienza dei giovani.     Leggi tutto
inserito il 03-05-2014     -    

La famiglia sono io

Onorevoli colleghi,
il provvedimento che vado ad illustrarvi è già stato discusso dalle commissioni, ma ritengo che sia utile prima del voto finale ricapitolare il percorso che ci ha condotti sin qui.     Leggi tutto

inserito il 14-04-2014     -    

L'amore umano (Editoriale)

    Leggi tutto
inserito il 27-03-2014     -    

Nulla fontana

Mettiamo che voi abbiate firmato un contratto con tale Antonio Trevi, alias Antonio Peluffo, che vi ha venduto la sua fontana, la Fontana di Trevi, per soli cinquecentomila euro.
Passato qualche tempo, dopo che siete riusciti a convincere gli infermieri che non siete pazzo, rimane tuttavia questo contratto. Che farne?     Leggi tutto

inserito il 26-03-2014     -    

grande Bagnasco, concistoro

Grande prolusione del Card. Bagnasco, oggi, anche su libertà di educazione e gender.

Non ha mancato di ricordare i principi non negoziabili (con buona pace di chi pensava che il Papa li avesse mandati in soffitta, è bene ricordare che prima di ogni prolusione il Card. Bagnasco incontra sempre il Papa):

    Leggi tutto
inserito il 25-03-2014     -    

Anche noi sposati vogliamo diventare santi

Un amico, Paolo Gobbini, ci ha mandato queste riflessioni sulla relazione del Card. Kasper. Per l'importanza dell'argomento ritengo utile pubblicarle, auspicando una seria e serena riflessione. Riflessioni di un cristiano sposato sulla relazione svolta dal card. Kasper al Concistoro straordinario il 20 febbraio 2014 “E se non possiamo combattere con le armi, allora ci resta solo un mezzo di lotta: una resistenza forte, tenace, dura. Noi in questo momento non siamo martello, ma incudine.     Leggi tutto

inserito il 25-03-2014     -    
Condividi contenuti