Fine vita, eugenetica, aborto

Non chiamateli "donatori"!

inserito il 06-09-2014     -    

segnalazioni: Crepaldi, Roccella

Due segnalazioni, da leggere assolutamente.

La prima è di S.E. l'Arcivescovo Crepaldi, sull'eterologa e la necessità di un nuovo impegno.

    Leggi tutto
inserito il 21-07-2014     -    
anteprima

Tuttavia
La scadente(*) Commissione Europea ha cassato oggi l’iniziativa “Uno di noi”.
Se vi ricordate, “Uno di noi” aveva raccolto in Europa quasi due milioni di firme per mettere al bando la ricerca su embrioni umani.   -   Leggi tutto

anteprima

"Avremmo il primo pronunciamento autorevole in cui ci si riferisce a un nuovo modello di genitorialità, entrato nel nostro Paese non dalle aule parlamentari, non per un referendum popolare, ma, ancora una volta, per sentenza, per la decisione di un pugno di giudici che fra qualche giorno ci dirà per quale motivo, in futuro, anche in Italia diversi bambini potrebbero non sapere più realmente di chi sono figli." (A. Morresi)   -   Leggi tutto

RU486: a Torino muore una donna

 A Torino è morta la prima donna italiana per causa della pillola abortiva RU486, pare per arresto cardiaco dopo l’utilizzo delle pillole, ma le indagini determineranno la causa certa.
    Leggi tutto

inserito il 14-04-2014     -    
anteprima

Gli eventi precipitano
Abbiamo cominciato con mercoledì, quando la Corte Costituzionale ha dichiarato incostituzionale il divieto della fecondazione eterologa.
E' stato il primo, vero grande colpo alla legge 40, che aveva resistito per dieci anni a tutti gli attacchi dei vari tribunali, attacchi fatti sempre dallo stesso gruppuscolo di avvocati (sempre gli stessi, i nomi che girano). Adesso non si sa bene quel che succederà, nel senso che finché non saranno depositate le motivazioni della sentenza, non si sa bene come muoversi per attuarla. Se fosse vero quel che ha fatto sapere la Consulta con uno stringatissimo comunicato subito dopo, ci sarebbero un bel po’ di problemi per praticare l’eterologa in Italia. E comunque si dovrà passare per forza per il parlamento, visto il vuoto normativo che si è creato, e nonostante la gran faccia tosta di tanti centri e giuristi e commentatori che hanno letteralmente parlato a vanvera, dicendo di essere in grado di partire subito. Non è vero, è una bugia, e sono loro stessi per primi a saperlo: se non si stabilisce se un bambino nato da eterologa ha diritto o meno a conoscere il genitore genetico, come si fa a fare il consenso informato, e come si possono “raccogliere” i gameti?
Vista la faccenda dell’eterologa, è quasi passato inosservato quanto successo in parlamento, sempre mercoledì. Camera dei Deputati, Commissione Giustizia: sempre “grazie” alla Corte Costituzionale che ha smantellato la Fini-Giovanardi sulla droga, si rischia una legalizzazione strisciante di certe droghe; approvato poi all’unanimità un testo di legge sul cosiddetto divorzio breve, ridotto a un anno il tempo di attesa, che diventa nove mesi (diconsi nove mesi), se non ci sono minori e se c‘è consenso. Stesso giorno, Commissione Giustizia, Senato: vanno avanti legge su omofobia e legge su unioni civili, che chiaramente ha incluso le proposte sul matrimonio omosessuale.    -   Leggi tutto

Miserelli

il demonio (non sto parlando in senso figurato), sfrutta sempre le aspirazioni del cuore per tirare a sé le persone. Come del resto fa Dio.

Aspirazioni ad una vita più comoda, ad una società più giusta, alla ricchezza, ad una Russia più grande, alla libertà sessuale, a leggi migliori, a combattere aborto\omosessuali\omofobi\eretici, alla bellezza, ad abbattere il tiranno, ad eliminare i ribelli, perfino alla verità e a dare lode al Signore.     Leggi tutto

inserito il 25-03-2014     -    

Uteri in affitto: scandalosa sentenza a Milano

E’ di qualche giorno fa una scandalosa sentenza del tribunale di Milano.
    Leggi tutto

inserito il 09-03-2014     -    

a proposito di utero in affitto

segnalo un mio editoriale su Avvenire, di giovedì:

    Leggi tutto
inserito il 04-03-2014     -    

Ho Scritto alla Bussola

 
 
 
Gentilissima Redazione,

sono un medico veronese, vostro affezionato lettore.
Faccio quel che posso sul fronte pro-life, dentro e soprattutto fuori dal web, confrontandomi in conferenze pressoché mensili con decine di giovani.     Leggi tutto
inserito il 04-03-2014     -    
Condividi contenuti