Fine vita, eugenetica, aborto

anteprima

Una recente indagine IARD-SWG spiega, in termini numerici, quanto la bioetica funga da spartiacque tra credenti e non credenti.

Ci interessa, insieme a Cultura Cattolica.it che ha lanciato la proposta di un lavoro comune e riflessioni in merito -con pubblicazione degli interventi che giungeranno in Redazione- aprire il dibattito rispondendo alle 10 domande che di seguito riprendiamo. un dibattito ampio che pone questioni molto gravi e di fondo.  SamizdatOnLine
  -   Leggi tutto

anteprima

Assuntina Morresi
Non è una sfida a Dio l’ultimo risultato ottenuto da Craig Venter e dalla sua équipe, ma una sofisticata operazione tecnologica, un “copia, incolla e metti la firma”: non è una creazione dal nulla, piuttosto sono state sapientemente assemblate sequenze di Dna già esistenti in natura, e riprodotte in laboratorio, insieme a qualche sequenza disegnata per “marcare” il genoma ottenuto e distinguerlo dall’originale naturale, una specie di “firma” degli scienziati inserita nel Dna stesso. Il Dna così prodotto in laboratorio è stato poi sostituito a quello di una cellula naturale, che è stata in grado di replicarsi grazie al nuovo patrimonio genetico, cioè seguendo gli “ordini” del Dna sintetico.   -   Leggi tutto

anteprima

ABORTO: BASTA CON LE MENZOGNE!
Sull’aborto non si può continuare a dire menzogne, ad usare distinguo, sfumature di giudizio. E’ ora di essere molto netti e precisi. O l’aborto è un male (e allora va contrastato con ogni mezzo, va proprio combattuto, va pubblicamente rigettato e riprovato), oppure non lo è, e allora lo si può favorire e diffondere e facilitare.   -   Leggi tutto

anteprima

Già sapevamo che non era vero che fosse magra, denutrita, calva, piena di piaghe di decubito. Eravamo a conoscenza del fatto che non si era mai ammalata in tanti anni a letto. Che non era attaccata a nessuna macchina. Già sapevamo che respirava da sola, che era vigile, occhi aperti, che sembrava reagire agli stimoli.

Sapevamo anche che da alcuni era accudita e amata.
  -   Leggi tutto

anteprima

Non  può passare sotto silenzio la sentenza della magistratura che ha, di fatto, annullato la legge 40 sulla tutela della vita. Alcuni giudici sembrano proprio voler ribaltare le leggi sulla cui applicazione dovrebbero invece vigilare; se non serve neanche approvare una legge e sostenerla in un referendum, cosa ci resta per difendere la vita?  SamizdatOnLine   -   Leggi tutto

E adesso chi fermerà le tentazioni di scartare figli?
Assuntina Morresi - Avvenire   -   Leggi tutto

Condividi contenuti