Opere e lavoro

Il frutto del lavoro

È tempo di mietitura. Alcuni campi sono già stati rasi dal lavoro delle macchine. Altri sono ancora in attesa. I campi gialli di grano, bellissimi. Un tempo, così leggo, la mietitura era una grande festa. Si raccoglieva ciò che la terra aveva donato. Con gratitudine. Scampata alla furia del clima, delle pioggie troppo abbondanti o al sole troppo violento. Alle acque innondanti o all’aridità della terra. Una festa per un dono che non dipende da noi. Si raccoglie, si immagazzina, si ara e si ricoltiva. Tutto un lavoro, in tutti i lavori.     Leggi tutto

inserito il 01-07-2012     -    

BANDO Lombardia per il sostegno alla moda

La Regione Lombardia sostiene i giovani talenti della moda con un bando che stanzia incentivi alle nuove start-up. Continua

image: 
   
inserito il 04-05-2012     -    

Auto-mutuo-aiuto in Lombardia

Auto-mutuo-aiuto in Lombardia coinvolge più di 18.000 persone. Sussidiarietà che risponde alle esigenze che emergono dal tessuto sociale. Continua     Leggi tutto

inserito il 19-04-2012     -    

Il terzo settore interpreta le esigenze dei cittadini

L'iniziativa privata può fare molto meglio del pubblico nell'erogare i servizi. Continua

image: 
 
   
inserito il 19-03-2012     -    

Un caffè, politicamente corretto

Volevano così tanto proteggere il diverso che ci fecero diventare tutti uguali.

    Leggi tutto

inserito il 19-03-2012     -    

Provocazione sulla felicità

I soldi comprano la felicità. Lo dicono sia i capitalisti che i marxisti, mica io. Per i capitalisti l’importante è il capitale, avere più soldi possibile. Per i marxisti c’è solo la materia, il resto è una pia illusione, quindi tutto viene e torna alla materia inanimata. Entrambi concordano nel dire che prima ci sono i bisogni economici, poi (per i capitalisti) forse quelli spirituali, mentre per i secondi questi ultimi sono mera illusione.     Leggi tutto

inserito il 12-03-2012     -    
anteprima

Il desiderio più profondo, un amore senza fine
Il povero è un uomo solo. Condividere gratuitamente questo dramma risveglia il vero desiderio che è nel cuore di ciascuno: essere amato. Solo questo può vincere la solitudine: riconoscere che siamo tutti bisognosi di fare esperienza di un amore immenso, sconfinato, più grande di qualunque situazione di sofferenza o disagio in cui ci troviamo.
Questa scoperta ci rende compagni di cammino di ogni uomo, proprio perché siamo costituiti dalla stessa attesa profonda di un amore senza fine.   -   Leggi tutto

Condividi contenuti