La scelta di Nerone

anteprima

Il bravo Nerone, che voleva, per cosi dire, impalmarsi il suo “preferito”, aveva una difficoltà: a Roma non era permesso sposarsi tra maschi. Lui aggirò la difficoltà: dichiarò di essere una femmina, e il problema fu risolto. Successivamente, con una simpatia successiva, la parte del marito toccò a lui…

Noi non abbiamo gli imperatori, ma abbiamo i giudici di Cassazione. Che, pare, abbiano rimosso la necessità dell’operazione chirurgica per poter cambiare sesso. Rendendo così di fatto inutile la Cirinnà e i suoi matrimoni – pardon, unioni civili – gay.
Perché è chiaro: basta cambiare di sesso, sposarsi (ormai legittimamente) e ricambiare perché divenga possibile quello che era impossibile.

Impossibile in un mondo dove non è il capriccio a plasmare la realtà; ma si tratta, sembra, ormai proprio di un altro mondo. Qui c’è Nerone.

Berlicche  socio di  SamizdatOnLine

Articoli correlati:
Aberrante la sentenza europea sulle unioni gay - M. Introvigne
Con una sentenza l'Europa apre alle adozioni gay anche in Italia - Il Sussidiario
Sentenza gender: ci provo anch'io? - A. Morresi
Il nuovo marxismo - A. Cangini
Genitori e teoria del gender - N. Incampo
Alla Regione Piemonte va in scena il «genere d’elezione» - G. Amato
 

 


Tu sei libero di riprodurre, distribuire, esporre in pubblico questo editoriale alle seguenti condizioni:
LICENZA D'USO