Parole in libertà

Parole in libertà sono le interpretazioni delle parole del Papa quando diceva “è lecito fermare l’aggressore ingiusto. Sottolineo il verbo: fermare. Non dico bombardare, fare la guerra, ma fermarlo. I mezzi con i quali si possono fermare dovranno essere valutati”. Un interessante articolo di Sandro Magister del 4 settembre

http://magister.blogautore.espresso.repubblica.it/

riporta il testo del discorso tenuto da mons. Tomasi, osservatore permanente della Santa Sede presso l’ufficio delle Nazioni Unite a Ginevra, alla sessione d’inizio settembre della Commissione per i diritti umani. Parole chiarissime, che dovrebbero sgombrare il campo da interpretazioni minimaliste dell’impegno richiesto da Papa Francesco agli organi internazionali.

E anche la citazione di Civiltà Cattolica alla fine del pezzo è molto indicativa di cosa pensa in realtà la Santa Sede della situazione in Medio Oriente.

 

inserito il 06-09-2014     -