Editoriali

anteprima

Accade purtroppo con una certa frequenza che le notizie che ci raggiungono turbino la nostra pace e la nostra coscienza. E sono racconti e giudizi sulle gravi violenze nel mondo (e non cessa di stupirci la rassegnata e connivente documentazione che ce ne viene fornita. Basti pensare al modo con cui ci è stata raccontata la guerra in Libia…). Sono resoconti sulla continua persecuzione dei cristiani (che stenta a diventare problema di coscienza, con una sospetta assuefazione di troppi comunicatori). È il modo con cui si dà spazio ai vari indignados   -   Leggi tutto

anteprima

La mostra ricostruisce il percorso che alcuni abitanti ebrei di Cafarnao hanno fatto dal primo incontro con Gesù di Nazareth fino al riconoscimento di fede che permise loro di arrivare a dare la vita per Lui.  Avvalendosi delle fondamentali conoscenze scaturite dagli scavi archeologici realizzati nell’ultimo secolo dai Padri Francescani della Custodia di Terra Santa e dallo studio esegetico dei Vangeli, l’esposizione intende aiutare a vincere il dubbio sul cristianesimo: "Sì, questa storia è accaduta realmente. Gesù non è un mito, è un uomo fatto di carne e sangue, una presenza tutta reale nella storia.   -   Leggi tutto

anteprima

Rimini Fiera, 21-27 agosto
E l’esistenza diventa una immensa certezza” è il titolo scelto per la XXXII edizione del Meeting. Esso parte da una constatazione, semplice e al tempo stesso drammatica: nella mentalità più diffusa ai nostri giorni, nella coscienza con cui ciascuno di noi affronta le sfide e le fatiche del vivere, sembra che non sia più possibile alcuna vera certezza. È qui, al fondo di noi stessi, che si rivela la radice nascosta delle tante “crisi” del nostro tempo:   -   Leggi tutto

anteprima

Con i Gigabyte alla radice del "mistero uomo" - Mario Gargantini
Padre Roberto Busa ci ha lasciati a pochi giorni dal Meeting di Rimini, quel Meeting che l’aveva visto presente per diversi anni a partire dal 1998: dapprima come poliedrico relatore (il suo primo intervento aveva il significativo titolo: “Tecnologie, ruscelli di sapienza. Ossia, il coraggio della certezza”); poi come visitatore attento e curioso, con lo sguardo aperto di chi non smette di imparare e con la semplicità stupita tipica del bambino e insieme del sapiente.   -   Leggi tutto

anteprima

Fosse stata la trama di un film, avremmo detto che era di basso livello, e poco verosimile: ma quando mai una persona sola riesce a fare un attentato in una grande capitale e subito dopo quella strage infinita nell’isoletta vicina?
E invece pare proprio sia andata così in Norvegia. Si accerterà se quanto è successo si può attribuire alla follia del killer, il trentaduenne Breivik, e quanto dei suoi comportamenti sia dovuto a paranoia o a chissà cos’altro. Ma sarebbe ingenuo spiegare tutto questo orrore solamente chiamando in causa la mente malata di un uomo. Una tragedia simile non nasce dal nulla, non si materializza casualmente in un paese, ma si nutre in qualche modo dell’aria intorno e non può essere estranea al tempo in cui avviene.   -   Leggi tutto

anteprima

"Sine tuo numine nihil est in homine nihil est innoxium". Senza di te nulla c'è nell'uomo che non gli provochi danno.
Le nostre piccole beghe politiche italiane, il terribile attentato norvegese, il recentissimo terremoto giapponese, la perdurante guerra libica, confermano che siamo di una fragilità spaventosa, possediamo di nostro solo l'incapacità di far fronte a qualsiasi evento in modo adeguato.   -   Leggi tutto

anteprima

Come forse saprete, è stata approvata alla Camera la legge sul testamento biologico, con una ampia maggioranza trasversale. La rabbia con la quale è stata accolta dai fautori dell'eutanasia attiva - coloro che vogliono ammazzarti per il tuo stesso bene - dovrebbe lasciare pochi dubbi sulla sua opportunità.
Nessun dubbio che si comincerà appena possibile a cercare di demolirla. In passato abbiamo assistito più volte ad esercizi di "giustizia creativa" da parte di giudici intenzionati a non permettere che sia una cosa banale come la legge ad interferire sulle loro opinioni personali. In ogni caso si spera che in futuro sarà più complicato lasciare caritatevolmente morire di fame e sete gli indifesi.   -   Leggi tutto

anteprima

Forse tra cento o duecento anni ci sarà chi, guardando a questo momento, si chiederà perché tutto questo è successo. Si chiederà perché nessuno è intervenuto, perché i pochi che ne hanno parlato non sono stati ascoltati.
Perché questo è uno di quei momenti in cui il male sembra vincere. Uno di quei momenti in cui si fa fatica a vedere la Providenza nella storia. Uno di quei punti nel tempo dove la libertà degli uomini pare scegliere non la strada dela luce, ma quella delle tenebre.   -   Leggi tutto

anteprima

Napoli e più in generale una parte dell’Italia affondano nei rifiuti, mentre si moltiplicano le “finte alternative tecniche”, ovvero vengono cambiati di volta in volta i nomi delle tecnologie proposte ma tutto si rifà sempre e comunque o all’incenerimento (potenziale fabbrica di cancro) o alla messa in discarica selvaggia.
Intanto a pagare il costo crescente della speculazione sui RSI (Rifiuti Solidi Urbani) è sempre il cittadino.
Nessuno si è chiesto come mai su “incenerimento si – incenerimento no” non ci sia stato di referendum? Provate ad immaginare…   -   Leggi tutto

anteprima

Non mi ha stupito più di tanto apprendere che Sallusti, ex direttore del Giornale, è stato sospeso dall'ordine dei giornalisti per aver ospitato articoli di Renato Farina, a sua volta sospeso.
E' interessante notare come qualcosa che dovrebbe garantire libertà si sia ormai configurato come l'Unione degli Scrittori Sovietici di staliniana memoria.   -   Leggi tutto

anteprima

Dei 4 referendum é evidente che si vuol fare un uso strumentale, per questo molti non andranno a votare. Questioni complicate, per le quali la stragrande maggioranza della gente decide non nel merito – che solo in pochissimi sanno – ma per sentito dire, o per appartenenza politica.   -   Leggi tutto

Un esempio? I referendum sull’acqua. L’acqua E’ PUBBLICA e TALE RIMANE ANCHE SENZA REFERENDUM. Quello che è in gioco è la sua gestione,   -   Leggi tutto

anteprima

In qualsiasi competizione non solo sportiva ma anche politica l'obiettivo è vincere -e non solo partecipare come diceva De Coubertin- ma prima di vincere è importante vivere partendo da un incontro reale, umano, che faccia sorgere il desiderio di costruire qualcosa di vero e utile per tutti.
"Questo «qualcosa» è un’esperienza, ha faccia e corpo. Si esprime anche in realtà che vanno difese, proprio perché offrono a tutti la possibilità di vincere sullo scetticismo.   -   Leggi tutto

anteprima

L’attenzione della Chiesa per i nuovi media legati ad Internet con tutte le sue diramazioni – dai blog ai social forum – è documentata da molti fatti: si va dagli ultimi messaggi papali per la “Giornata delle comunicazioni sociali”, fino alla presenza su Twitter; dal restyling del portale Internet vaticano, fino al recentissimo Incontro con 150 blogger svoltosi in Vaticano il 2 maggio 2011.
Naturalmente una presenza non è riducibile alle “bandierine” piantate su una carta geografica; tutto ciò che non assume dignità culturale è destinato ad essere spazzato via dalla storia. Riprendendo le radici di una presenza nel Web che dura ormai da otto anni (fedeltà alla Chiesa e lotta per la verità) SamizdatOnLine propone un Convegno a Messina per il 20 maggio ore 18   -   Leggi tutto

anteprima

ANNUNCIO DELLA BEATIFICAZIONE di GIOVANNI PAOLO II
Benedetto XVI, 16 gennaio 2011
Cari fratelli e sorelle, come sapete, il 1° maggio prossimo avrò la gioia di proclamare Beato il Venerabile Papa Giovanni Paolo II, mio amato predecessore. La data scelta è molto significativa: sarà infatti la II Domenica di Pasqua, che egli stesso intitolò alla Divina Misericordia, e nella cui vigilia terminò la sua vita terrena. Quanti lo hanno conosciuto, quanti lo hanno stimato e amato, non potranno non gioire con la Chiesa per questo evento. Siamo felici!   -   Leggi tutto

anteprima

Assuntina Morresi
Gentile on. Pierluigi Castagnetti,
siamo oramai alla vigilia del voto alla Camera sulla legge sulle dichiarazioni anticipate di trattamento (DAT). Una legge che in molti chiediamo con forza, con motivazioni e argomenti illustrati in tanti articoli e interventi pubblici di ogni tipo, soprattutto dopo la morte di Eluana Englaro; per sollecitare il parlamento ad approvare il testo attualmente proposto all’esame, anch’io ho sottoscritto, insieme ad altre personalità del mondo cattolico, l’Appello pubblicato su Avvenire sabato 12 marzo.   -   Leggi tutto

anteprima

P. Franco: L'anno scorso, per circostanze apparentemente fortuite, c'è stato un incontro tra due frati dell'Ordine e il segretario del Patriarcato Latino di Gerusalemme, il quale appena saputo che erano Servi di Maria che andavano a vedere se era possibile aprire una casa in Terrasanta, la terra di Gesù e di Maria, è rimasto come sorpreso perchè ha detto "noi stavamo aspettando questo" e immediatamente ha proposto ai Servi di Maria di custodire il santuario mariano del Patriarcato che comprende Israele, Palestina e Giordania; una quindicina di preti, non sono tanti, però il territorio è molto grande.   -   Leggi tutto

anteprima

Anno 1854, Palazzo Carignano a Torino. Al parlamento di quello che è ancora un piccolo stato con velleità di crescere si discute di abolizione degli ordini religiosi.
E' un parlamento un po' diverso da quello a cui siamo abituati. I suoi rappresentanti sono eletti da meno del 2% della popolazione, spesso con brogli che al giorno d'oggi sarebbero stigmatizzati nella più becera dittatura africana. Appartengono in maggioranza all'elite liberalmassonica.   -   Leggi tutto

anteprima

Una persona è anche i libri che legge. Sto leggendo “Il cavallo rosso” di Eugenio Corti e c’è una parte del libro che mi ha un pò angosciato, più delle descrizioni di violenze e di capacità di male dell’uomo perché, si sa, il male è male, può fare più o meno orrore ma ha lo stesso volto, lo stesso giudizio: è il male.
La cosa che mi ha angosciato è l’incertezza in cui vivevano i parenti in attesa di notizie, dove il male non si è ancora manifestato e il bene non ha vinto, il figlio partito in guerra sarà ancora vivo? Non arrivano notizie sarà un bene o un male?   -   Leggi tutto

anteprima

Il recente terremoto in Giappone e il conseguente incidente alla centrale nucleare di Fukushima I solleva diversi interrogativi sull'impiego dell'energia nucleare nel nostro paese e sulla sua sicurezza. Ci sono valide alternative? Cosa emerge dal confronto di questa fonte energetica con le altre già disponibili e con le fonti rinnovabili? Quanto sono fondate le paure relative all'energia nucleare? Ecco alcune risposte ragionevoli sul tema dell'energia nucleare.   -   Leggi tutto

anteprima

Quando da piccolo passavo per la zona sud di Torino, mi colpivano sempre alcune grandi strutture. Un binario di metropolitana che correva a diversi metri d'altezza e che si interrompeva bruscamente nel vuoto, la struttura di cemento già mangiata dall'umidità. Un palazzo a forma di fetta di formaggio fuso, dai vetri sporchi e circondato dagli sterpi. Un laghetto artificiale su cui correva il binario di cui sopra ridotto a palude. Chiedevo: cosa sono quelle cose? E mi si rispondeva: è Italia '61!   -   Leggi tutto

Condividi contenuti