Editoriali

anteprima

Lo sapevate che in alcune parti del Guatemala l'incidenza dei difetti del tubo neurale come la spina bifida è decine di volte maggiore che in Italia, a causa principalmente di tossine presenti nei funghi che contaminano i raccolti di mais?
Lo sapevate che in Africa i raccolti spesso avvizziscono perché le piante sono attaccate da parassiti (le "erbe di strega", witchweed)?
Lo sapevate che la mancanza di provitamina A nel riso provoca cecità e morte in milioni di bambini specialmente in Asia?   -   Leggi tutto

anteprima

Sorprendente é il criterio interpretativo della situazione italiana adottato dal Rapporto Censis sulla situazione sociale del Paese/2010: un calo del desiderio che si manifesta in ogni aspetto della vita.
"Tornare a desiderare é la virtù civile necessaria per riattivare una società troppo appagata ed appiattita"   -   Leggi tutto

anteprima

Ad Oslo andrà in scena una farsa: 'Il Processo alla Cina', ha titolato il Global Times, gestito dal People's Daily, organo ufficiale del Partito Comunista. Così, la difesa della Cina è un segno di debolezza; è stato toccato un punto nevralgico ma è un fatto che nonostante il boom economico la libertà in Cina sia ancora lontana, lo sanno, ma non possono cambiare. Dovrebbero riconoscere che l'uomo ha una dignità al di la del Partito e dello Stato. In effetti Liu Xiaobo è stato definito come “un nemico dello Stato”. Eppure al suo processo egli ha dichiarato: “Io non ho nemici”.  SamizdatOnLine   -   Leggi tutto

anteprima

Dovessi restare solo, molto vecchio, affaticato da un cancro e dal tedio di vivere ancora; e se mai accadesse che, ricoverato nel reparto solventi di un ospedale romano, io mi buttassi dal quinto piano e perdessi la vita nella nera malinconia di una giornata di pioggia battente; potrebbe succedere che qualcuno scriva, come per Monicelli, che è stato “lo sberleffo di un laico”. Mandatelo affanculo Ferrara   -   Leggi tutto

anteprima

Il desiderio più profondo, un amore senza fine
Il povero è un uomo solo. Condividere gratuitamente questo dramma risveglia il vero desiderio che è nel cuore di ciascuno: essere amato. Solo questo può vincere la solitudine: riconoscere che siamo tutti bisognosi di fare esperienza di un amore immenso, sconfinato, più grande di qualunque situazione di sofferenza o disagio in cui ci troviamo.
Questa scoperta ci rende compagni di cammino di ogni uomo, proprio perché siamo costituiti dalla stessa attesa profonda di un amore senza fine.   -   Leggi tutto

anteprima

GLI “INDISCUTIBILI” SANNO DISINFORMARE
Lucia Bellaspiga  - Avvenire
Se a parlare è Roberto Saviano, le «orazioni» sono «civili» e i monologhi «potentissimi»: lo asseriscono i comunicati di Rai 3 e tutte le agenzie di stampa devotamente rimbalzano. E chi oserebbe dissentire? Nemmeno chi non ha mai letto una sola riga di Saviano se la sentirebbe più di mettere in dubbio le sue verità assolute: perché Saviano è Saviano, un po’ come Sanremo. E così, di guru in guru, se un Saviano e un Fazio uniscono le sapienze, il risultato non può che essere indiscutibile.   -   Leggi tutto

anteprima

Testimoni «digitali», Sakineh e Asia Bibi
Accade sempre più spesso, in questa nostra società segnata dalla comunicazione, che le notizie ci invadano la mente, il tempo, la fantasia: ma anche che scorrano davanti ai nostri occhi senza più interpellarci, urgendoci ad una responsabile presa di posizione.
Allora sembra che valga e sia degno di attenzione solo ciò che – nel modo di comunicare – abbia la capacità di scuoterci.
  -   Leggi tutto

anteprima

Ci sono giorni in cui apprendi le notizie e sembra che nel mondo vi sia veramente poca luce. Giorni in cui pare che quello che c'è di buono nel mondo, ciò sembra funzionare, il giusto e il bello sia soffocato da una nube grigia, dalla cattiveria degli uomini.
Ci sono giorni in cui ti pare di intravederlo questo diavolo che divide e consuma, mentre ride soddisfatto del suo operato. E quando ti sembra che il peggio sia stato raggiunto ecco un'altra notizia che sgomenta.
L'autorità palestinese ha chiuso l'orfanotrofio femminile di Samar, a Betania. La "Casa di Lazzaro".   -   Leggi tutto

anteprima

Straordinario successo della prima edizione del Meeting de Il Cairo, svoltasi in Egitto il 28 e 29 ottobre 2010.
L’evento ha avuto grandissimo seguito, ma soprattutto ha visto cattolici e mussulmani lavorare insieme. Tutto è nato dall’idea di quattro mussulmani venuti a Rimini quattro anni fa e rimasti colpiti dalla manifestazione. Giornate di grande dialogo, grazie alla scoperta di un “cuore comune” nonostante le differenze religiose. (E. Polverelli)   -   Leggi tutto

anteprima

Partiamo di lontano.
Quando due anni fa visitai gli Uffizi di Firenze fui un poco sorpreso dallo scoprire che, sul retro del famoso ritratto di Federico da Montefeltro, c'era un'altro dipinto: e precisamente il Trionfo dello stesso Federico. Assiso su un trono in armatura completa, incoronato dalla Vittoria, trasportato su un carro insieme alle quattro virtù cardinali : prudenza, giustizia, fortezza e temperanza.
Mi colpirono due cose:   -   Leggi tutto

anteprima

La seconda edizione della Convention di Diesse si è tenuta a Pesaro nei giorni 23-24 ottobre 2010.
Docenti «capaci di essere protagonisti» nella scuola di oggi. Ma soprattutto «pronti a esserlo anche in quella che verrà». Questo è stato il filo conduttore dell’appuntamento annuale che Diesse, associazione professionale dei docenti legati alla Compagnia delle Opere, ha tenuto a Pesaro. Un tema attualissimo, visto che da poche settimane ha preso il via la riforma delle superiori.   -   Leggi tutto

anteprima

Si è conclusa a Reggio Calabria il 17 ottobre 2010 la 46ma Settimana Sociale dei Cattolici Italiani dal titolo “Cattolici nell’Italia di oggi. Un’agenda di speranza per il futuro del Paese”. Il Presidente della CEI, card. A.  Bagnasco, ha tenuto la prolusione; di particolare importanza è l’ultimo paragrafo del suo discorso, intitolato “La questione antropologica e l’unità dei cattolici in politica”, in cui egli spiega il senso dell’impegno politico dei cattolici e le priorità di tale impegno.
La questione antropologica è la chiave interpretativa dei nostri tempi lanciata del Card. Ruini, una sua geniale intuizione: il suo successore, il Card. Bagnasco,   -   Leggi tutto

anteprima

La realtà a volte è disumana, terribile, e oggi tutto viene messo in mostra, anche i particolari che un tempo si sarebbero tenuti nascosti. Ma alla realtà occorre stare davanti, anche se ferisce.   -   Leggi tutto

La ricerca del colpevole, diceva Baumann, è la suprema difesa dell’uomo moderno di fronte allo scacco che la morte pone. Rimane però la ferita e la realtà, un tessuto da ricostruire a partire da Uno più grande, che c'é. 
SamizdatOnLine   -   Leggi tutto

anteprima

Proprio ieri, un sabato 18 settembre di diciassette anni fa, mi sono unito in matrimonio con mia moglie Ornella. Sapete, questo tipo di ricorrenze portano spontaneamente a fare un bilancio della propria storia. È normale, è umano. Ci si guarda indietro, poi ci si guarda oggi. Si riesce a dare un giudizio su quello che si è vissuto.
Mi viene da dire, con uno slogan, “diciassette anni e sentirli”, ma non nel senso di una fatica (per come comunemente viene intesa la frase), quanto piuttosto per il “peso”, il peso specifico che questi anni hanno avuto per me.   -   Leggi tutto

anteprima

I problemi che suscita la soluzione di Edwards sono molti. Potendo ottenere esseri umani senza madre, padre, famiglia, responsabilità, sesso, dando la possibilità di selezionare il tipo di umano che si può ottenere da quello che non è più un atto d'amore ma un processo, il ricercatore ha scoperchiato un vaso di Pandora le cui profondità fatichiamo adesso ad immaginare, ma che senza dubbio diverranno evidenti sempre più con il passare del tempo. Se la ricerca scientifica é "sacra" , e non deve e non può incontrare ostacoli,   -   Leggi tutto

anteprima

C'è un paese in cui si è perseguitati se ci si mette un crocefisso al collo. C'è un paese in cui i tribunali islamici applicano la sharia, in parallelo e al posto dei tribunali statali. C'è un paese in cui a dire che l'omosessualità è peccato si viene arrestati. E non è permesso pensare che una coppia gay non sia il miglior luogo per crescere un figlio. Non è così distante da noi. E' l'Inghilterra.   -   Leggi tutto

anteprima

Le forze che muovono il cuore dell'uomo sono le stesse che muovono la storia. Nel bene e nel male. Difficilmente ci scomodiamo per qualcosa di cui non ci importa veramente.   -   Leggi tutto

Per andare a prendersi un bicchiere d'acqua occorre che proviamo sete.   -   Leggi tutto

Per impegnarsi in politica occorre avere a cuore il bene comune, o nell'ipotesi peggiore e normale desiderare un qualche tipo di potere personale.   -   Leggi tutto

anteprima

Nel bel film di una ventina di anni fa "La storia infinita" un ragazzino doveva salvare una principessa da un mortale nemico -raffigurato come un terribile animale più simile a un licantropo che ad un lupo- non a caso l'allegoria del "nulla" che provoca terremoti, aridità, distruzione e desolazione. Ecco, se prima il neopositivismo di certi scienziati ubriacati più da una ossessione ideologica anticreazionista (appunto come Hawking ma anche i nostrani Hack e Odifreddi), piuttosto che andare a fondo di "qull'insondabile Mistero sotteso ad ogni scoperta scientifica" (come sosteneva uno "scienziato qualunque" di nome Albert Einstein) affermavano   -   Leggi tutto

anteprima

La democrazia è soltanto il treno sul quale saliamo fino a quando saremo arrivati all’obiettivo. Le moschee sono le nostre caserme, i minareti le nostre baionette, le cupole i nostri elmi e i credenti i nostri soldati.” (Erdogan)
Non abbiamo bisogno di spade o di bombe per diffondere l’Islam, per­ché abbiamo già 50 milioni di musulmani che, tra una decina di anni, trasformeranno l’Europa in un continente musulmano.” (Gheddafi)   -   Leggi tutto

 … che differenza c’è?   SamizdatOnLine   -   Leggi tutto

anteprima

Oh, il Nobel. Il premio dei premi. Quando ero nel mio periodo da-grande-farò-lo-scienziato era il mio sogno. E anche adesso, se mi dicessero: ti hanno dato il premio per la letteratura, sarei ben felice. Anche se, diciamola tutta, ormai è chiaro quel premio quanto vale.
Pochi giorni fa è morto Nicola Cabibbo. Il suo lavoro sulle particelle elementari ha fruttato un premio Nobel. Ma non a lui. Ai due giapponesi che hanno preso la sua teoria ed estesa, messa in bella copia. Perché a lui no? Qualcuno bisbiglia sia dipeso dal fatto che era cattolico. Presidente della Pontificia Accademia delle Scienze. Ed è noto che i cattolici non possono essere degli scienziati.   -   Leggi tutto

Condividi contenuti