Editoriali

anteprima

C’è stata sempre una caratteristica di alcune persone che mi ha dato ogni volta fastidio: erano le «pagelle» stilate dagli avversari, che facevano una loro stima del cattolicesimo mio o di altri o del movimento o associazione di cui si era parte. Per cui si era «buoni» o «cattivi» a seconda degli interessi in gioco. In più, questo atteggiamento portava a distinguere tra «I» cattolici (sempre vituperati) e «tu-che-non-sei-come-gli-altri», che eri per l’occasione il buono di turno.   -   Leggi tutto

anteprima

Quell'orrendo, irresponsabile nessuno
E così il responsabile della strage di Oslo, settantasette morti inseguiti ed ammazzati come cani, non può essere ritenuto responsabile. L'hanno detto gli psichiatri.
Il teorema è che l'uomo è buono. Se decide di compiere qualcosa che esula dalla nostra concezione di normalità allora non è cattivo, è malato. Non è responsabile delle sue azioni, perchè se fosse responsabile allora si dovrebbe dire che esistono il bene e il male, che si può scegliere tra essi. Che non tutte le scelte sono indifferenti.   -   Leggi tutto

anteprima

Non occorre essere grandi esperti di partiti politici o di economia per essere un po’ disorientati dal subitaneo cambiamento di rotta che si è verificato in Italia.
Ci spieghiamo meglio: un governo si è dimesso per consentire l’approvazione di provvedimenti urgenti che ci salvassero dalla speculazione internazionale tenendo conto delle richieste dell’Europa. Ora scopriamo che tutta quell’urgenza non c’è proprio, visto che il primo provvedimento preso dai ministri è il sanamento delle spese per Roma Capitale. Ma l’economia italiana, i licenziamenti, i problemi del lavoro, dei giovani, delle famiglie, dell’educazione non erano prioritari? Ce li siamo forse sognati?   -   Leggi tutto

anteprima

Sono venuta a conoscenza delle polemiche che hanno investito Eugenia Roccella dopo il suo intervento, in qualità di sottosegretario alla salute, in relazione alle linee guida della legge 40 e poichè nutro poca fiducia nei fiumi di inchiostro che spesso si versano per mostrare la realtà in modo fuorviante, invito chi vuol conoscere la verità dei fatti a leggere il suo comunicato non senza aver espresso la mia solidarietà nei confronti di un’esponente del passato governo che ha sempre agito con onestà e correttezza umana e istituzionale:
Anna Vercors  socio di  SamizdatOnLine   -   Leggi tutto

anteprima

Io credo che nella vita non succeda mai nulla per caso. Credo che ognuno di noi sia chiamato a dei compiti. E quando dico chiamato lo intendo letteralmente: la realtà che urla “Hey, tu, guarda questo e datti una mossa!”
Quando tutti noi decidiamo di muoverci è perché queste urla fanno breccia nel nostro solito stato di “sto dormendo non svegliarmi”. C’è un momento in cui tutto il nostro cinismo, tutto il nostro “non me ne frega niente”, tutti i  “tanto è inutile” ci sembrano un po’ vuoti, e ci domandiamo se è proprio vero che non si possa fare nulla. E come urla la realtà?   -   Leggi tutto

anteprima

L'annuncio delle dimissioni di Berlusconi è stato accompagnato da manifestazioni di piazza alquanto scomposte, che davano sfogo a un livore accumulato negli anni. Ma in realtà, ci si può chiedere, perché festeggiare? Da che cosa ci siamo "liberati" e verso quali prospettive ci stiamo avviando? Dove sta un ragionevole realismo nel valutare la situazione? Un amico ci ha inviato questa mail nella quale ci riconosciamo, e volentieri la pubblichiamo come aiuto ad una riflessione più pacata.  SamizdatOnLine   -   Leggi tutto

anteprima

Sgomenti davanti alla tragedia che sta colpendo Liguria e Toscana, crediamo utile conoscere questa richiesta che ci viene dalla Liguria:
Dal fango emerge la speranza. L'alluvione in Liguria e Toscana
Una comunità cristiana autentica vive in costante rapporto con il resto degli uomini, di cui condivide totalmente i bisogni, ed insieme con i quali sente i problemi. Per la profonda esperienza fraterna che in essa si sviluppa, la comunità cristiana non può non tendere ad avere una sua idea ed un suo metodo d'affronto dei problemi comuni, sia pratici che teorici, da offrire come sua specifica collaborazione a tutto il resto della società in cui èsituata. (Don Giussani)
  -   Leggi tutto

anteprima

Intervento alla Giornata di riflessione, dialogo e preghiera per la pace e la giustizia nel mondo (Assisi, 27 ottobre 2011)
Cari fratelli e sorelle, sono passati venticinque anni da quando il beato Papa Giovanni Paolo II invitò per la prima volta rappresentanti delle religioni del mondo ad Assisi per una preghiera per la pace. Che cosa è avvenuto da allora? A che punto è oggi la causa della pace?  Allora la grande minaccia per la pace nel mondo derivava dalla divisione del pianeta in due blocchi contrastanti tra loro.   -   Leggi tutto

anteprima

Quante tragedie in questi giorni! Un terremoto devastante colpisce la Turchia; inondazioni terribili devastano la Thailandia; una crisi economica senza precedenti tiene tutta l’Europa col fiato sospeso; in Libia la guerra fratricida continua con vendette sugli sconfitti; smottamenti e frane in Liguria rovinano alcuni dei luoghi italiani più belli; un campione di moto, un ragazzo romagnolo perde la vita su un circuito lontano. 
Ci sarebbe solo da mettere le mani nei capelli e, cinicamente, ritenersi fortunati perché non è capitato a noi.   -   Leggi tutto

anteprima

Il tiranno cade. Una volta morto, nella polvere, è evidente che è solo un uomo, non diverso dagli altri.
E' evidente che è uguale ai suoi uccisori. E' evidente che è uguale a noi, che adesso ci indignamo per chi ha ucciso un uomo a sangue freddo. O, peggio, lo giustifichiamo.
Quando morì Bin Laden rimasi stupito che i nostri ragazzi delle medie avessero un giudizio come il resto del mondo.   -   Leggi tutto

anteprima

Nel corpus del bene comune non vi è un groviglio di equivalenze valoriali da scegliere a piacimento, ma esiste un ordine e una gerarchia costitutiva” ha spiegato a chiare lettere il Card. Bagnasco, oggi, nel suo intervento iniziale al seminario a porte chiuse organizzato da alcuni cattolici a Todi, riferendosi ai “valori non negoziabili”, che definisce “sorgenti” dell’uomo: “l’inizio e la fine della vita umana, il suo grembo naturale che è l’uomo e la donna nel matrimonio, la libertà religiosa ed educativa che è condizione indispensabile per porsi davanti al tempo e al destino”.   -   Leggi tutto

anteprima

Dall'Egitto una notizia forse inaspettata: scontri fra cristiani e esercito, che hanno causato decine di morti fra i copti. Per chi ha esaltato la cosiddetta primavera araba é un brusco risveglio: dove sono la libertà e la democrazia, l'uguaglianza dei diritti, attese come frutto dei moti popolari dell'inizio dell'anno? Per chi ha avuto ed ha dubbi sul vero valore dei fatti di piazza Tahrir, i morti di questi giorni sono una conferma alle sue fosche previsioni. Credo che un aiuto a considerare realisticamente quanto é successo e succede in Egitto possa venire dai seguenti articoli pubblicati.   -   Leggi tutto

C'era una volta la Costituzione
Immaginatevi una cosa bella a cui tenete tanto, qualsiasi cosa, date spazio alla fantasia. Ad esempio una preziosa tovaglia riccamente ricamata lasciatavi in dono dalla nonna da utilizzare per le grandi occasioni. Arriva la grande occasione da festeggiare, prendete la tovaglia riposta nell'armadio e, con grande dispiacere, scoprite che è stata assaltata da animaletti striscianti che hanno creato buchi e falle ognidove nel tessuto. Sconcerto, rabbia, dispiacere, tutte emozioni che in un baleno attraversano la vostra mente.   -   Leggi tutto

anteprima

Il quotidiano cattolico britannico Catholic Herald ha messo in fila alcune delle tendenze più comuni della stampa – della stampa di sinistra, o comunque critica con la religione – nel raccontare le cose che riguardano la Chiesa, e in particolare le iniziative del Papa. Ne è uscito un elenco sarcastico e divertente di consigli al contrario per un ipotetico giovane cronista al suo primo incarico nella copertura di un evento cattolico, un raduno o una visita papale. Una lista di dieci cliché che i media tendono a usare in questi casi.   -   Leggi tutto

anteprima

Leggendo come oggi certi giornali hanno trattato il viaggio del Papa in Germania, c'è da chiedersi se ci sono o ci fanno. Benedetto XVI ha parlato al Parlamento tedesco, facendo un grande discorso sulle fonti del diritto dello stato liberale. Parole alte, indirizzate al mondo e in primo luogo alla Germania, dove la chiesa cattolica non se la passa bene e dove, come raccontato bene da Paolo Rodari in questi giorni, la visita del tedesco Ratzinger ha fatto nascere proteste all'interno dello stesso Bundestag.   -   Leggi tutto

I giornali italiani come ce l'hanno raccontata? Come una gita fuori porta   -   Leggi tutto

anteprima

Quello della farfalla è forse uno tra i più noti esempi di metamorfosi. Il bruco, un essere molle e quasi completamente privo di zampe che suscita sentimenti tutt'altro che benevoli, alla conclusione della sua esistenza da essere strisciante, si trasforma in una farfalla dal volo grazioso e dai colori brillanti; quasi il simbolo stesso della bellezza della natura. Questa metafora, rivisitazione della favola del "brutto anatroccolo", è il filo logico alla base de "Il circo della farfalla" (Butterfly circus), un cortometraggio che annovera nel suo cast un attore più unico che raro: Nick Vujicic.   -   Leggi tutto

anteprima

Il necrofilo e il Risorto
A sentire certe interviste non si sa proprio cosa pensare: “ci sei o ci fai?”. È questo che vorremmo dire a Don Mazzi, dopo le sue esternazioni sugli argomenti più disparati. Già ci aveva fatto pensare quanto ha detto sulla pedofilia dei sacerdoti, da lui attribuita ai seminari minori. Sono di questi ultimi giorni le sue affermazioni sulla mostra di cadaveri (veri o presunti) a Roma: “Sono affascinato, questa è l'esaltazione del corpo, se Don Bosco che adoro invece che essere nella tomba fosse lì, un Don Bosco vivo… ve l'immaginate?” “…   -   Leggi tutto

anteprima

"L’educazione è un affare del cuore" (S. Giovanni Bosco)
<Ah, paura, paura. Cosa succede intorno a me? Cosa vogliono queste cose immense che si muovono, entrano, escono, mi guardano? I loro nasi enormi si precipitano verso di me. Non capisco, mi sento solo, ho paura>
Ho due figli che da piccoli si stanno facendo grandi. Chi vive la necessità e il tormento di educare sa molto bene quale fatica pesi sull'animo. Spesso, quasi sempre, ci sentiamo inadeguati.   -   Leggi tutto

anteprima

Fino all'11 settembre, ad Ancona si tiene il Congresso Eucaristico. In una lettera ad "Avvenire", suor Maria Gloria Riva* racconta cosa significa per lei stare davanti a Cristo: «Imparo a guardare la vita nella profondità».

Caro direttore
,
ogni volta che varco la soglia del nostro coro, grande abbraccio di legno simile a una croce in volo, una croce che ascende verso l’alto già preannuncio possente della risurrezione,   -   Leggi tutto

anteprima

Così ci hanno tolto il santo patrono. E la gente indignata sciama nelle strade, protestando contro la soppressione di una tra le più antiche tradizioni...
Aspettate, aspettate. Non vedo tutta questa folla. Sì, c'è qualcuno, ma sta sventolando una bandiera rossa e non mi pare che con i santi abbia molto a che fare. Anche perché i suoi santi non sono stati retrocessi. Santo Lavoro Garantito. Santo Liberato dai Fascisti. Santa Repubblica. Gli intoccabili "simboli della laicità dello Stato italiano fondato sul lavoro".   -   Leggi tutto

Condividi contenuti