Terza guerra mondiale: scuse tardive e bombe puntuali